In questa sezione del museo puoi trovare le schede giocatori ed addetti ai lavori che hanno fatto grande questo sport.

Persone


Raimondi Nadia

Nadia Maria Raimondi Cominesi è nata a Sesto San Giovanni il 26 maggio 1966, alta 170 centimetri ha incarnato alla perfezione per anni il ruolo di playmaker. Ha debuttato in prima squadra quando il Geas che nel campionato 1983-84 militava in serie A2, allenato da Ennio Bianchi, è stato promosso in A1. L' anno successivo (1984-85), Nadia è stata un punto di forza della Spaghetti Express Sesto San Giovanni in A1 che, grazie anche alla presenza della grande Valerie Still alle semifinali dei play off, eliminato dal Vicenza poi scudettato.

Non essendo particolarmente dotata di un tiro preciso dalla lunga distanza, Raimondi ha preferito sempre le penetrazioni o mettersi al servizio della squadra sia in cabina di regia che in difesa. Nella stagione seguente, sotto l'egida di un nuovo sponsor (Marelli), Nadia ha condotto la squadra dando i tempi e smistando assist fino alle semifinali dei play-off dove, ritrovando le vicentine campionesse in carica, il Geas è stato eliminato.
La società sestese nel campionato 1988-89 ha dovuto fare i conti con ristrettezze economiche ed ha lasciato partire le migliori giocatrici, avviandosi ad una nuova retrocessione. Nadia si è allora trasferita alla Gemeaz Cusin di Milano che, allenata da Antonio Morabito, aveva grandi ambizioni. Nonostante Nadia abbia giocato benissimo e servito 10 assist nelle due partite di finale contro l'Enichem Priolo, le milanesi devono accontentarsi del secondo posto. Medesima sorte in finale di Coppa Ronchetti contro l'Armata Rossa.
Raimondi è stata nel frattempo convocata in Nazionale Maggiore dal c.t. Aldo Corno, per le qualificazioni alle Olimpiadi del 1988 e ai Campionati Europei del 1989. Nadia ha vestito in carriera 28 volte la maglia Azzurra 
Il coach Morabito ha riconfermato Raimondi in regia anche nella stagione 1990/91  ma la squadra non ha ripetuto il buon campionato precedente. Raimondi è poi stata ingaggiata dalla squadra di Priolo di Santino Coppa, dove si è messa al servizio delle due fuoriclasse straniere Steeet e Long. Nadia è tornata a Sesto nella sua società di origine, sponsorizzata Coop, ed allenata da Ennio Bianchi ha rivissuto  l'amara esperienza della retrocessione nel campionato 1992-93. E' ritornata a Priolo nella stagione 1995-96 dove però ha disputato solo 9 partite. Nadia ha giocato il suo ultimo campionato nel 2004-05 nel Basket Carugate, prima di dedicarsi alla carriera di coach.

Raimondi playmaker del Geas stagione 1994/95 in A2.

Nadia Raimondi nel 1990/91