In questa sezione del museo puoi trovare le schede giocatori ed addetti ai lavori che hanno fatto grande questo sport.

Persone


Agostinelli Luigina

Luigina “Gigia”Agostinelli, che è nata il 07 settembre 1938 a Vittorio Veneto, a diciassette anni è emigrata in Brasile, dove ha perfezionato la sua tecnica cestistica,  e grazie ad un fisico atletico e una statura ragguardevole si è messa in mostra giocando ala-pivot, tanto da essere stata convocata per giocare nella Nazionale Giallo-Oro.

Nel 1965 è tornata in Italia dove ha dato un notevole contributo (155 punti in 12 partite) al Portorico Vicenza della Pausich, Persi e Gentilin per riconquistato lo scudetto.

Nella stagione 1966/67 il Vicenza divenuto Recoaro ha rivinto lo scudetto e Gigia si è riconfermata un‘ottima giocatrice con spiccato senso del canestro (206 punti in 17 gare).

Il Recoaro Vicenza di Vasojevic ha fatto proprio anche lo scudetto 1968, con Luigia sempre determinante (255 punti in 18 gare). La stagione successiva 1968/69 è stata un replay della precedente, sia per la squadra vicentina che per Agostinelli.   

Vasojevic ha cosi svecchiato i ranghi: Pausich e Persi hanno lasciano il posto alle giovani Gorlin e Faggionato, anche perché il Vicenza, restato senza sponsor, aveva bisogno di fare cassa. Le venete, nonostante con Gigia su ottime medie di realizzazione, sono arrivate soltanto terze nel campionato 1969/70 dietro l’emergente Geas e la solita Standa.

Agostinelli ha debuttato nel frattempo con la Nazionale Italiana nel 1967. In maglia Azzurra ha totalizzato 61 presenze e segnato 231 punti, ha partecipato al campionato Mondiale del 1967, ai Campionati Europei del 1968 e del 1970

Maumary, presidente del Geas, si è accaparrata Agostinelli che ha formato una coppia affiatata e vincente con Mabel Bocchi. Luisito Trevisan ha dato fiducia alla Gigia che lo ha ricambiato con la conquista dello scudetto del 1971 e del 1972. Nel campionato successivo le sestesi sono state sopravanzate dalla Standa, ma l’Agostinelli non ha fatto mancare un suo notevole apporto di punti e rimbalzi.

Luigia si è trasferita alla Ignis Varese nella stagione 1973/74 e nonostante la bella età di 36 anni si è mantenuta su livelli di eccellenza con 266 punti in 18 gare e nella stagione successiva addirittura con 283 punti in 22 gare. Le varesine purtroppo retrocedono.

Luigina Agostinelli in 10 campionati di serie A ha conquistato sei scudetti, segnato 2175 punti in 166 gare alla media di 13 a partita.

Portorico Vicenza campione d'Italia 1966: Luigina Agostinelli, Bortolotto, Faggionato, Franzon, Gelai, Marisa Gentilin, Nidia Pausich, Nicoletta Persi, Verdi.

Luigia Agostinelli in nazionale

Agostinelli e Semionova

Agostinelli n.5 nell'Ignis Varese