In questa sezione del museo puoi ripercorrere la storia del basket italiano dalle origini.

Storia


Storia della nazionale dal 1921 al 1945

Il 2 novembre 1921 presso la birreria Colombo di Milano venne fondata la “Federazione Italiana Basket-Ball”: Arrigo Muggiani, capitano della squadra Internazionale, ne divenne il primo presidente.

Nel 1922 Il campionato per la prima volta fu organizzato dalla  Federazione Italiana Basket-Ball.

Nel 1925 la denominazione fu cambiata in “Federazione Italiana di Palla al Cesto”.                                    

La Nazionale Italiana a Milano il 4 Aprile del 1926 disputò il suo primo incontro battendo la Francia 23 a 13. Il tabellino riportò: Valera 6, Valli 8, Cavenini 9, Ortelli, Caccianiga, Fedeli. La Nazionale Italiana poi si impose per 22  a 18, anche nella partita di ritorno a Parigi.

Ad Arrigo Muggiani, come presidente  federale successe dal 1926 al 1930 Ferdinando Negrini.

Nel 1930 sotto la presidenza  di Alberto Buriani la federazione fu ribattezzata in “Federazione Italiana Palla al Canestro”. Solamente qualche anno dopo la denominazione fu contratta in “Pallacanestro”. Dal 1931 al 1942 divenne presidente federale Giorgio Asinari di San Marzano.

Nel 1935 la Nazionale partecipò al Campionato Europeo giungendo settima, con la seguente formazione: Basso, Caracoi, Franceschini, Giassetti, Marinelli, Paganella, Premiani, Varisco all. De Filippi. Il nostro miglior marcatore fu Franceschini con 41 punti. Ha battuto la Bulgaria ma perso con Svizzera e Francia. Vince la Lettonia davanti alla Spagna.

Nel 1936 per la prima volta il basket divenne sport Olimpico.

Per le Olimpiadi di Berlino Guido Graziani selezionò i seguenti giocatori: Basso, Bessi, Castelli, Dondi Dall'Orologio, Franceschini, Giassetti, Marinelli, Mazzini, Novelli, Paganella, Pelliccia, Premiani. Paganella con 41 punti fu il nostro miglior cannoniere.

Nel 1937 ai Campionati Europei la nostra rappresentativa arrivò seconda. I componenti furono: Bessi, Dondi Dall'Orologio, Franceschini, Giassetti, Marinelli, Marinone, Paganella, Pasquini,  Pelliccia, Varisco. L'Egitto ha dapprima protestato poi si è rifiutato di giocare contro di noi,  quindi ci ha battuto 31-28 ma ha perso 2-0 a tavolino tutto perchè abbiamo schierato Mike Pelliccia che era un oriundo. Da notare che Mike non ha segnato nenche un punto. Perdemmo la finalissima di un punto 24 a 23  contro la Lituania, padrona di casa che schierava Frank Lubinas che invece è stato il migliore in campo. Lubinas nel 1936 aveva vestito la maglia degli USA alle Olimpiadi con il nome di Lubin, ma ha presentato un certificato in cirillico che attesta che è nato in Lituania. Il nostro bomber fu Franceschini con 52 punti.

Nel 1939 ai Campionati Europei di Kaunas la nostra formazione, fortemente ringiovanita, arrivò sesta. I selezionati furono: Bernini, Bessi, Girotti, Marinelli,  Novelli, Pasquini,  Pellegrini, Pelliccia, Renner, Tambone, Vannini. La Lituania che schierò oltre a Lubinas altri quattro oriundi (Kriaucziunas, Bundriunas, Ruzgis, Jurgelas) dominò imbattuta i Campionati. Il segretario generale della Fiba, Jones, ordinò delle indagini contattando la federazione USA che però rispose a campionati ultimati confermando che Lubin fosse un americano nato a Los Angeles!!! La guerra fece dimenticare l'imbroglio.

Dal 1939 al 1946 la Nazionale Italiana a causa degli eventi bellici, non partecipò a manifestazioni internazionali, in compenso cambiarono spesso i presidenti della federazione. 

Dal 1942 al 1943 fu il turno di Vittorino Viotti, nel 1944 gli subentrò Guido Graziani e nel 1945 divenne presidente Enrico Castelli, ex capitano della Borletti con la quale vinse quattro scudetti consecutivi nel 1936, 1937, 1938, 1939, e che giocò nalla Nazionale all’Olimpide di Berlino del 1936.

1927: Francia - Italia a Parigi terminata con il punteggio di 18-22

La Nazionale Italiana negli anni 30

Galeazzo Dondi Dall'Orologio che con la nazionale ha segnato ventuno punti in quattordici gare

Enrico Castelli ex capitano della Borletti che giocò all’Olimpide di Berlino del 1936

La nazionale italiana di basket nel 1936

La Nazionale Italiana ai Campionati Europei di Ginevra nel 1935

Riga (Lettonia), maggio 1937. La rappresentativa italiana medaglia d’argento al 2° Europeo. In alto da sinistra:Marinelli, Franceschini, Giassetti, Marinone, Dondi dall’Orologio, Varisco, l’allenatore Ugolini; in basso, Pelliccia, Paganella, Pasquini.Alcuni giocatori indossano la tuta del GUF Italia (Gruppo Universitario Fascista).