In questa sezione del museo puoi ripercorrere la storia del basket italiano dalle origini.

Storia


Nazionale di pallacanestro femminile sorde

Ultima nata delle nostre rappresentativi cosiddette "minori" è la Nazionale di pallacanestro femminile sorde. E’ sorta solo nel 2010 a Pesaro ma si è già fatta onore ai Campionati Mondiali di Palermo (2011), agli Europei di Konya in Turchia (2012), alle Olimpiadi di Sofia nel 2013, dove hanno ottenendo il quinto posto e con esso il diritto a partecipare dal 4 al 12 luglio 2015 ai Campionati Mondiali di Taiwan dove si è classificata quinta vincendo la finale per il quinto/sesto posto contro la Turchia con il risultato di 48-36.

Gli impegni  futuri della Nazionale Italiana di pallacanestro sorde sono i Campionati Europei nel mese di giugno del 2016, a Salonicco (Grecia) e nel luglio 2017 le Olimpiadi ad Ankara (Turchia).

Il giovane movimento della pallacanestro femminile “silenziose” ha già riportato successi anche nell'attività di club, dove la squadra di Pesaro allenata da Sara Braida, che costituisce lo zoccolo duro della nostra Nazionale, ha partecipato a quattro edizioni della corrispondente Coppa dei Campioni, giungendo terza nel 2013.   

Il progetto di fondare una Federazione di pallacanestro sorde nasce dall’idea di due giornaliste, Beatrice Terenzi che in seguito è stata nominata Direttore Tecnico dalla Fssi (Federazione sport sordi Italia) e Elisabetta Ferri che ricopre il ruolo di addetta stampa, e si propone di fare uscire le ragazze sorde dal mondo del silenzio attraverso lo sport. E' quindi un progetto non solo sportivo, ma anche sociale, che ha consentito a persone svantaggiate di viaggiare ed emanciparsi, mentre agli udenti di sensibilizzarsi su una realtà spesso nascosta poiché la sordità si rivela un handicap invisibile.

Chiunque volesse maggiori informazioni o desiderasse sostenere questa lodevole iniziativa può digitare “Nazionale di pallacanestro femminile sorde” su Facebook oppure scrivere a dtpallacanestro-f@fssi.it.

La squadra dell'Italia sorde cercano la concentrazione prima di una partita.

Un grande campione, Daniel Hackett, si è offerto di fare il loro testimonial e di sponsorizzarle per Taiwan.