In questa sezione del museo puoi ripercorrere la storia del basket italiano dalle origini.

Storia


Le Nazionali di Nello Paratore (1957-1968)

Nello Paratore, promosso C.T. da Decio Scuri, esordì allenando gli Azzurri ai Campionati Europei di Sofia del 1957 giungendo decimo, con la formazione: Alesini, Conti, Costanzo, Gamba, Motto, Pomilio, Posar, Rocchi, Sarti, Volpato e Zagatti. L'Italia non partecipa ai Mondiali in Cile del 1959. Anche all'Europeo successivo di Istanbul la nostra Nazionale costituita da: Alesini, Calebotta, Canna, Lucev, Conti, De Carli, Gavagnin, Lombardi, Pieri, Velluti, Vianello,Volpato giunge decima. Paratore in seguito ha condotto gli Azzurri a due campionati mondiali e tre olimpiadi, ottenendo il quarto posto nel 1960 ai giochi di Roma e il quinto nel 1964  a quelli di Tokio. La selezione e preparazione dei giocatori per i giochi olimpici avviene in Argentina e Uruguay dove Paratore conduce i convocati in una lunga tournè, lontano da pressioni e polemiche..

Formazione della Nazionale alle Olimpiadi del 1960: Pieri, Alesini, Lombardi, Gavagnin, Calebotta, Giomo, Riminucci, Canna, Gamba, Vianello, Vittori, Sardagna.

I nostri migliori marcatori furono Lombardi con 133 punti e Alesini con 129.

Nel 1963 la Nazionale vince i Giochi del Mediterraneo e disputa i Campionati Europei di Wroclaw con gli innesti di Vatteroni, Albanese, Frigerio, Pellanera e Masini, giungendo solo dodicesima. Vince ancora l' URSS.

Formazione della Nazionale alle Olimpiadi del 1964: Pellanera, Vittori, Lombardi,  Gavagnin, Masini, Bertini, Giomo, Pieri, Vianello, Bufalini, Flaborea, Sardagna.

I nostri migliori marcatori a Tokio furono Vittori con 151 punti e Lombardi con 116 punti.

Nel 1965 diventò presidente della federazoine Claudio Coccia, che conservò la carica fino al 1975.

La nostra Nazionale, sotto la guida di Paratore, arrivò quarta agli Europei del 1965 di Mosca con la seguente formazione: Pellanera, Cosmelli, Lombardi, Vianello, Masini, Bertini, Cescutti, Spinetti, Bufalini, Flaborea, Gatti. L'URSS si conferma anche in casa campione continentale.

Lombardi e Vianello con 14 punti a partita furono i nostri cannonieri.

Ai Campionati Mondiali del 1966 la nostra rappresentativa occupò il nono posto.

La formazione era composta da: Pellanera, Cosmelli, Lombardi, Bufalini, Bovone, Fantin, Jessi, Recalcati, Villetti, Fattori, Rundo, Merlati.

I migliori realizzatori furono Lombardi con 17 punti e Bovone con 13 punti di media a partita. Paratore porta all'esordio in Nazionale Maggiore il pivot Dino Meneghin che ha solo 16 anni e mezzo.

Nel 1967 l'Italia partecipa ai Campionati Mondiali di Montevideo giungendo al nono posto con una formazione ringiovanita e sperimentale: Villetti, Recalcati, Merlati, Fattori, Jessi, Fantin, Rundo, Bovone, Pellanera, Lombardi, Bufalini e Cosmelli. Ai campionati Europei di Tampere a causa delle defezioni di Merlati con la frattura al naso e Cosmelli tornato a casa per la tragica morte del fratello arrivammo settimi con la seguente formazione: Jessi, Recalcati, Vianello, Bufalini, Masini, Cosmelli, Fantin, Iellini, Fattori, Paschini, Flaborea, Merlati. Lo squadrone sovietico vincitore annovera un giovanissimo Sergei Belov che stupisce tutti per la sua tecnica raffinata.      

I nostri migliori giocatori sono risultati Masinicon 17 punti di media e Vianello,.                                                                                                                                               Ai giochi Olimpici del 1968  a Città del Messico la Nazionale Italiana giunse ottava.

La selezione scelta da Paratore, composta di giocatori esperti e giovani, ha avuto un inizio promettente per aver sconfitto le Filippine 91- 66, Panama per 97 a 84, Portorico 68 - 65 e Senegal 81 - 55. Ha poi perso ai tempi supplementari con la Jugoslavia 69 - 80 dopo aver chiuso i regolamentari 65 - 65. Il giorno seguente, ancora frastornata è stata sconfitta nettamente dagli U.S.A. 100 - 61. La successiva vittoria sulla Spagna con 32 punti di Masini, non è stata sufficiente per accedere alle finali. La squadra abbattuta nel morale ha poi perso con Polonia e Spagna.

La formazione era composta da: Pellanera, Cosmelli, Vianello, Flaborea, Masini, Jessi, Recalcati, Lombardi, Vittori, Bovone, Gatti e Bufalini. I nostri migliori realizzatori furono Masini e Flaborea con una media di 13 punti a partita. Paratore dà l'addio alla Nazionale dopo 12 anni. Uomo mite nato al Cairo nel 1912, aveva praticato l'atletica, correva i 100 metri in 11". 1, ma si innamorò del basket, ha vinto diverse volte il campionato femminile egiziano e si è laureato in educazione fisica. Durante la seconda guerra mondiale è stato internato. terminato il conflitto è diventato allenatore della federazione egiziana ed ha riportato con la Nazionale vittorie ai Giochi del Mediterraneo e i Campionati Europei. In prigionia aveva conosciuto Garozzo, campionissimo di Bridge, che lo aveva ben instradato nel gioco delle carte dove eccelleva. Paratore suonava il flauto ed era anche maestro di musica.

 

Nazionale giunta decima ai Campionati Europei di Sofia nel 1957, allenata da Paratore: Mario Alesini, Paolo Conti, Antonio Costanzo, Alessandro Gamba, Sergio Macoratti, Marcello Motto, Vittorio Pomilio, Stelio Posar, Rolando Rocchi, Giancarlo Sarti, Cesare Volpato, Gianni Zagati.

Nazionale Italiana maschile del 1958: Si riconoscono Primo, Rubini, Velluti, Lombardi, Bufalini, Calebotta, Gavagnin, Paratore, Alesini, Pieri e Gamba.

1959 - Sfila la Nazionale Italiana giunta decima ai campionati europei di Istanbul:Lombardi, Calebotta, Gavagnin, Volpato Velluti, Vianello, Pieri, Alesini, Canna, De Carli, Conti e Lucev.

Raduno preolimpico del 1959 della Nazionale Italiana maschile. In piedi: Tracuzzi, Gatti, Vianello, Canna, Lombardi, Gavagnin, Calebotta, Bufalini, Alesini, Sardagna, Paratore. Accosciati: Cattaneo, Giomo,  Vittori, Riminucci, Gamba, Pieri, Bertini, ?.

La Nazionale Italiana Olimpica maschile del 1964. Si riconoscono: Vianello, Bufalini, Flaborea, Masini, Gavagnin, Vittori, Primo, Sardagna, Pieri, Giomo, Lombardi, Bertini, Pellanera, Paratore

Nazionale Italiana maschile del 1962 composta da Conte, Bertini, Giomo, Lombardi, Vittori, Barlucchi, Vianello, Gatti, Velluti, Flaborea, Dal Pozzo e Calebotta.

Inverno del 1964: la foto è stata scattata a Washington davanti al Campidoglio e l’occasione è una tournée della Nazionale in preparazione delle Olimpiadi di Tokyo. Si riconoscono Sardagna, Primo, Pieri, Gavagnin, Pellanera, Flaborea, Vianello, Lombardi, Vittori, Giomo, Bertini, Bufalini e l'allenatore della Nazionale Paratore.

Nel 1968 erano stati lasciati in Italia prima della partenza per il Messico Meneghin, Brumatti e Fantin. La squadra composta da dodici giocatori era composta da Gatti, Bufalini, Lombardi, Flaborea, Bovone, Vianello, Vittori,Cosmelli, Fantin, Pellanera, Iessi, Recalcati. Allenatore Paratore.

Prim, Flaborea, Pellanera, Vianello, Bertini, Sardagna, Bufalini, Masini, Pieri, Gavagnin, Paratore, Lombardi, Giomo e Vittori in partenza per le olimpiadi di Tokio 1964

La Nazionale Italiana maschile del 1969 composta da Primo (all.), Zanatta, Bisson, Masini, Bovone, Meneghin, Bariviera, Cerioni (vice), Mister (mass.), Recalcati, Brumatti, Cosmelli, Iessi, Ossola, Bergozoni.