In questa sezione del museo puoi ripercorrere la storia del basket italiano dalle origini.

Storia


La storia della serie A maschile dal 1955 al 1956

Nel 1955 la Virtus Minganti Bologna si classificò prima davanti alla Ginnastica Triestina e alla BorOlimpia (Mi).

La formazione della Virtus Minganti campione d’Italia 1955 era composta da Alesini, Battilani, Borghi, Calebotta, Canna, Gambini, Lamberti, Mioli, Negroni, Rapini, Rizzi, Verasani, Zia. Allenatore e giocatore Tracuzzi.

La classifica marcatori vide primeggiare Zorzi (Va) con 527 davanti a Stefanini (Mi) con 506 e al giovanissimo Riminucci (Ps.) con 433.

Nel 1956 la federazione consentì di tesserare un giocatore straniero. Il primo in assoluto fu il greco Stephanidis che esordì alla terza giornata nella Borletti. La Virtus Minganti Bologna conquistò lo scudetto davanti alla Borletti staccata di 11 punti, e alla Necchi Pavia. E’ il sesto titolo per la squadra delle due torri.

La formazione della Virtus Minganti campione d’Italia 1956 era composta da Alesini, Battilani, Calebotta, Canna, Gambini, Maluccelli, Nardi, Paolucci, Negroni, Lamberti, Rizzi, Verasani. Allenatore e giocatore Tracuzzi.

Nella classifica marcatori Romanutti (Mi) con 496 punti precedette Rimincci (Ps) con 490 e Matheou (Va) con 455.

Tonino Zorzi

Sandro Riminucci al tiro

Lino Cappelletti, il primo giocatore della Pallacanestro Cantù convocato in Nazionale, con la quale ha disputato 22 gare, oltre ai Campionati Europei del 1955 dove ha segnato 142 punti. In questa foto spazza il campo all’aperto prima della partita. Da notare la lettera A ( attaccante) nella seconda tacca dell’area.

Palazzo delle sport di milano - piazza 6 febbraio stagione 1954-55: salto a due tra Romanutti e Calebotta, assistono Canna, Gambini, Negroni