In questa sezione del museo puoi ripercorrere la storia del basket italiano dalle origini.

Storia


1965/1967: tre scudetti consecutivi targati Olimpia

Nel 1965 approdò in Italia il minibasket mentre il campionato venne organizzato a girone unico con dodici squadre iscritte con partite di andata e ritorno. La sconfitta, in quell'anno, dava ancora diritto ad un punto in classifica.

Vinse il il suo sedicesimo scudetto il Simmenthal Milano con 43 punti, davanti all’Ignis Varese 40, Knorr Bologna 37, Levissima Cantù 34, Stella Azzurra Roma 33, Petrarca Padova 31, All’Onestà Milano 30, Reyer Venezia 30, Biella 30, Goriziana 30, Livorno 29, Fides Bologna 29.

Formazione della Simmenthal Campione d’Italia 1965: Gianfranco Pieri, Sandro Riminucci, Paolo Vittori, Gabriele Vianello, Massimo Masini, Giulio Iellini, Giandomenico Ongaro, Franco Longhi, Binda, Maggini.All. Rubini.

Classifica marcatori: Vittori ( Simmenthal) 562, Spinetti (Stella Azzurra) 463, Lombardi (Knorr) 448, Gatti (All’Onestà) 398, Bertini (Fides) 389, Cedolini (Reyer) 389, De Simone (Levissima) 388, Vianello (Simmenthal) 379, Cescutti (Ignis) 340 Masini (Simmenthal) 339.

Nel 1966 il punto per la sconfitta venne eliminato e ritornarono i giocatori stranieri. La F.I.P. concesse di tesserarne uno per squadra in campionato e due nelle coppe internazionali.

Per aggiudicare lo scudetto ci fu bisogno dello spareggio tra Simmenthal e Ignis poiché giunte a parimerito.

Simmenthal O.Milano 38, Ignis Varese 38, Petrarca Padova 32, Candy V.Bologna 30, Oransoda Cantù 24, All'Onestà P.Milano 22, Reyer Venezia 18, Libertas Biella 16, Victoria Pesaro 12, Alcisa S.A.Bologna 12, Partenope Napoli 12, Stella Azzurra Roma 10.

La partita di spareggiò terminò 74-59  a favore dell’Ignis, ma lo scudetto fu assegnato al Simmenthal (2-0 a tavolino) per il tesseramento irregolare di Tony Gennari.

Il Simmenthal oltre al diciassettesimo scudetto si aggiudicò anche la Coppa dei Campioni grazie al formidabile contributo di Bill Bradley, straniero di coppa.

 Formazione della Simmenthal Campione d’Italia 1966: Binda, Gnocchi, Giulio Iellini, Franco Longhi, Massimo Masini, Giandomenico Ongaro, Gianfranco Pieri, Sandro Riminucci, Skip Thoren, Gabriele Vianello. Allenatore: Cesare Rubini.

Classifica marcatori: Moe (Petrarca) 674, Isaac (All’Onestà) 492, Djuric (Reyer) 496, Vianello (Simmenthal) 463, Lombardi (Candy) 456, Spinetti (Stella Azzurra), 418,  R.Hill (Alcisa) 417, Jones (Pesaro) 384, Granat (Stella Azzurra) 360.

Nel 1967 la formula del campionato restò invariata.

L’Olimpia Milano con 40 punti vinse il suo diciottesimo scudetto prevalendo su Ignis Varese 34, All'Onestà P. Milano 24, Oransoda Cantù 22, Noalex Venezia 22, Candy V.Bologna 20, Butangas Pesaro 20, Petrarca Padova 18, Cassera F.Bologna 18, Fargas L.Livorno 18, Aramis Biella 16, Splügen Brau Gorizia 12.

Formazione della Simmenthal Campione d’Italia 1967: Binda, Steve Chubin, Gnocchi, Giulio Iellini, Franco Longhi, Massimo Masini, Giandomenico Ongaro,Gianfranco Pieri, Sandro Riminucci, Gabriele Vianello. Allenatore: Cesare Rubini.

Classifica marcatori: Lombardi (Candy) 552, Moe (Petrarca) 546, McKenzie (Ignis) 538, Djuric (Reyer) 476, Chubin (Simmenthal) 458, Isaac (All’Onestà) 454, Masini (Simmenthal) 419, Werner (Butangas) 406, Vinello (Simmenthal) 387, Andrew (Cassera) 386.

Doug Moe

I Campioni d'Europa del Simmenthal nel 1966

Emilio Tricerri