In questa sezione del museo puoi trovare le schede giocatori ed addetti ai lavori che hanno fatto grande questo sport, con particolare riferimento alla loro "milanesità".

Persone


Toriser Licia

Licia Toriser che è nata a Venezia nel 1945, nel 1957 ha mosso i primi passi, impostata come esterna, nella chiesa sconsacrata della mitica “Misericordia “ indossando la maglietta della gloriosa Reyer.

Dopo aver disputato i primi campionati in serie B, nel 1962 è stata convocata in Nazionale da Giancarlo Primo. Licia ha potuto così conoscere la fuoriclasse Lilly Ronchetti che allora era capitana delle Azzurre.

Toriser per poter giocare nella massima divisione si è poi trasferita a Treviso, dove ha avuto come compagne la già affermata Marisa Geroni e la giovanissima Rosy Bozzolo.

Licia Toriser a Treviso ha battuto il record delle marcature in una partita, segnando 59 punti, record superato poi da Cristina Tonelli nel 1976/77 quando giocava nel Geas.

Nel 1967 la squadra di Treviso ha smobilitato, così Toriser, Geroni, Bordon, e Luisa Zambon si sono trasferite alla Standa Milano. Licia sotto la “madonnina” non ha trovato solo la squadra ed il lavoro ma ha incontrato come allenatore Romano Forastieri che è poi diventato suo marito. Dopo tre stagioni di ottimi piazzamenti in campionato, Licia si è trasferita al mitico Geas Sesto San Giovanni, dove ha giocato fino al 1975 conquistando  tre scudetti e partecipando alla Coppa dei Campioni.

Toriser ha terminato l’attività sportiva nel 1976 nella squadra di Parma che grazie al suo contributo è stata in quella stagione promossa in A1.

Licia Toriser in Nazionale ha totalizzato 136 presenze e indossato la fascia di capitana dopo la Pausich.

In azzurro ha partecipato alle edizioni dei Campionati Europei del 1962, 1966, 1968, 1970 e ai Campionati Mondiali del 1967.

Romano Forastieri e Licia Toriser

Licia Toriser in azione sotto canestro con la maglia della Standa Milano

Licia Toriser al tiro in sospensione