Società


Dal 1978 al 1981: l'avvento di Peterson e D'Antoni

Nel 1978 la FIP consentì di utilizzare due giocatori stranieri in campionato oltre all’oriundo. L’Olimpia lasciò partire Pino Brumatti, una colonna del Simmenthal, il play Benatti, e sostituì l’oriundo Menatti con l’italo-americano Mike Silvester (straniero di Coppa dell’anno precedente). Silvester aveva un buon tiro dalla distanza ottima penetrazione in velocità insomma un gioco simile a quello di Brumatti.

Faina scelse come secondo straniero un play, Mike D’Antoni, ex pro di origini italiane. Sia Silvester che D’Antoni ottennero poi la cittadinanza italiana e giocarono nella nostra Nazionale. D’Antoni vinse la classifica delle palle recuperate e arrivò sesto in quella degli assist, Silvester fu quarto in quella dei marcatori e Hansen ottavo in quella dei rimbalzasti.

La Cinzano arrivò sesta nella stagione regolare e settima nella poule scudetto. Si fece superare sia in classifica e sia sul campo nei due derby dalla Xerox Pallacanestro Milano, che ritornò ad essere la prima squadra della città.

Formazione della Olimpia Cinzano Milano 1978: Bianchi ( cap.), Hansen, Ferracini, Vecchiato, Silvester, Friz, D’Antoni, F.Boselli, D.Boselli, Gallinari, Anchisi, Battisti. Allenatore Faina.

Nel 1979 la Fip introdusse i play-off al meglio delle tre partite dopo la stagione regolare. Nell’Olimpia avvenne una rivoluzione: Cesare Rubini, diventò dirigente federale, andò a Roma lasciando il posto di General manager ad Antonio “Tony” Cappellari.

Il presidente Bogoncelli cambiò lo sponsor della società, sulle maglie comparve il marcho “Billy” ed ingaggiò come allenatore Dan Peterson al posto di Faina. Partirono Hansen, Paolo Bianchi e Vecchiato e arrivarono Charles Kupec, centro di 203 cm ex pro nei L.A. Lakers e Houston Rochets, oltre ad Anchisi e Battisti.

Il Billy Milano arrivò quinto nella stagione regolare, in cui Kupec primeggiò nella percentuale dei tiri liberi con 86% e D’Antoni in quella delle palle recuperate.

Nei play-off il Billy eliminò 2-0 (94-92, 81-79) la Perugina Roma, per 2-1 (86-76, 73-77, 87-84) la Emerson Varese e perse nettamente in finale dalla Sinudyne Bologna  2-0 (81-94 , 92-113).  La squadra di Peterson conquistò un secondo posto del tutto inaspettato.

Formazione dell'Olimpia Billy Milano 1979: Ferracini (cap), Silvester, Friz, D’Antoni, F.Boselli, D.Boselli, Gallinari, Kupec, Anchisi , Battisti. All. Peterson 

Nel 1980 è arrivato Bonamico, ala alta, e sono cambiate le seconde linee. Il quintetto base fatto giocare più spesso da Peterson è composto da D'antoni, Silvester, Bonamico, Kupec e Ferracini. Il Billy ha dominato nella regular season, terminata con 22 partite vinte e 4 perse, e ha superato 2-1 la Jollicolombani Forli (87-91, 73-71, 96-65), ma in semifinale ha perso 2-0 (95-100, 75-76) con la Gabetti Cantù. Kupec e Silvester hanno tenuto una media di 23 punti a partita, D’Antoni è arrivato secondo, dietro Marzorati, negli assist ma ha rivinto la classifica delle palle recuperate meritandosi in soprannome di “Arsenio Lupin“.

Formazione dell'Olimpia Billy Milano 1980: Ferracini (cap), Silvester, D’Antoni, F.Boselli, D.Boselli, Gallinari, Kupec, Bonamico, Innocenti, Dalla Monica, Zanata. Allenatore Peterson

Nel 1981 Bogoncelli, presidente, proprietario ed inventore dell’Olimpia Milano, dopo 34 anni, ha ceduto la società alla famiglia Gambetti.

Tony Cappellari e Dan Peterson hanno salutato Silvester, Kupec, Bonamico, Innocenti e Dalla Monica  e aperto le porte a Gianelli, Cerioni (grande ritorno), Biaggi, Mossali, Stranieri.  

John Granelli, 31enne ala pivot di 208 cm con un passato glorioso “pro” della NBA, è stato poco spettacolare ma molto utile. Il quintetto base più frequentemente schierato da Peterson è stato composto da D'Antoni, F. Boselli, Gallinari, Ferracini, Gianelli.

Il Billy che è giunto secondo nella regular season, ha superato nei play-off 2-0 (93-87, 91-58) la Superga Mestre, ma in semifinale ha perso 2-1 (77-79, 66-64, 84-85) contro la Squibb Cantù.

Mike D’Antoni ha tenuto quell'anno una media di 16 punti a partita, è stato il miglior marcatore della squadra ed ha vinto nuovamente la classifica delle palle recuperate.

Formazione dell'Olimpia Billy Milano 1981: Ferracini (cap),  D’Antoni, F.Boselli, D.Boselli, Gallinari, Cerioni, Mossali, Lamperti, Biaggi, Stranieri. Allenatore Peterson. 

IMMAGINI ALLEGATE

John Gianelli

Mike D'Antoni nella mitica posizione pre tiro libero

Vittorio Gallinari

Stagione 1980/81: una foto relativa all'incontro di campionato BIlly-Synudine, con Caglieris in possesso di palla pressato da D'Antoni.