In questa sezione del museo puoi trovare le schede giocatori ed addetti ai lavori che hanno fatto grande questo sport, con particolare riferimento alla loro "milanesità".

Persone


Indice Cestistico Milanese: indice A-B-C

A

Alessandri Alessandro: già presidente della Standa femminile che conquistò il titolo italiano nel 1972/73, nei primi anni '80 divenne presidente-manager dell'Olimpia per aver avuto un ruolo fondamentale nell'acqusto della società da parte della famiglia Gabetti. Con lui presidente l'Olimpia vinse lo scudetto 1982 ed acquistò Meneghin e Premier.

Angeretti Cesare: allenatore, era, dopo Recalcati, l'allievo prediletto di Taurisano al Pavoniano. Dopo un avvio folgorante della sua carriera cestistica (head coach alla Birra Wurster a Bergamo e poi a Brescia), ha abbandonato il basket di alto livello, seguendo solo le attività giovanili, perché troppo impegnato con il suo lavoro di commercialista. Ammirevole perché da grande appassionato, pur avendo superato i settantanni, continua ancora ad allenare nelle minors milanesi.

Assante Vanni: per tanti anni allenatore del settore femminile milanese, ha allenato la Standa e portato la squadra dell'Elettrocondutture in seria A, oltre ad aver formato tante campionesse tra le quali Fiorio e Vaghi.

B

Bagatta Guido: giornalista e telecronista sportivo ha raccontato per tanti anni le partite della NBA spesso in coppia con Dan Peterson. Ha condotto programmi sportivi di basket in varie emittenti televisive e pubblicato numerosi libri di successo.

Bandini Giuliano: ingegnere, dopo una buona carriera da giocatore, anche in serie A con l'Ignis Varese, terminata con la Pro Patria Milano in serie B, si è dedicato al settore giovanile della Social Osa dove ha formato molti giocatori di Serie A. E' inoltre stato vice allenatore di Riccardo Sales, in serie A, nel primo anno della Mobilquattro.

Bertani Alberto: Con un passato da allenatore e dirigente delle giovanili femminili milanesi, è stato anche allenatore della GBC di Cinisello Balsamo in serie A femminile. Da dirigente, alla fine degli anni 80 ha contribuito alla fantastica cavalcata che ha portato, in soli due anni, la formazione femminile del Cesano Boscone dalla serie C alla A2. Nella vita bancario, è il marito di Madi Vaghi campionessa d'Italia con la Standa, 

Blini Vittorio: professore universitario e chirurgo è stato per dieci anni medico sociale della Pallacanestro Milano oltre che primo tifoso sbraitante in panchina, spesso a sproposito per la sua forte miopia. Innumerevoli sono gli aneddoti simpatici che lo riguardano: Zanatta, De Rossi e Natale potrebbero scrivere un libro.

Boero Bruno: dopo aver ricevuto grandi apprezzamenti tra le minors torinesi e le giovanili varesine è stato ingaggiato dalla Pallacanestro  Milano come assistent di Toth. Quando la barca ha cominciato a fare acqua, è stato lasciato solo ad allenare l'Amaro 18 Isolabella. Amara esperienza che ha saputo gestire con professionalità ed impegno.  Ha allenato poi per 41 anni in giro per tutta la penisola e nel 1986 è stato premiato come miglior allenatore di serie B. Ha scritto numerosi articoli e trattati di pallacanestro. Ha ricevuto anche la "Targa d'Onore d'Argento della F.I.P. per l'anno 2012”, quale riconoscimento della lunga dedizione al mondo della Pallacanestro e della divulgazione tecnica.

Bonissolo Nerio: ha iniziato ad allenare nelle giovanili della Mobilquattro, quindi ha guidato la Pallacanestro Milano in serie B e C. Ha poi continuato nelle altre minors milanesi.

Brambilla Andrea: ex arbitro, è stato per tanti anni accompagnatore in trasferta della squadra del Simmenthal ed uomo al tavolo durante le partite. Amico fidato dei giocatori li accompagnava anche a fare bisboccia.

Brambilla Carmelo Fratel: coordinatore dell'attività giovanile del Pavoniano, per 25 anni ha organizzato il miglior torneo estivo milanese sul campo all'aperto dell'oratorio di via Giusti. Oltre alle squadre minors lombarde, magari rinforzate da giocatori di serie A o stranieri in prova, talvolta hanno aderito all'invito L'Olimpia e e il Cantù.  Nel suo oratorio sono sbocciati campioni ( Recalcati, Longhi) e proprio lì ha iniziato ad allenare Taurisano.

C

Campana Enrico: per un quarto di secolo ha scritto sulla " rosea" di basket, ha diretto inoltre Superbasket. Supertifoso varesino ha surriscaldato spesso gli animi dei supporters milanesi.

Campiglio Manuel: dopo aver allenato il settore giovanile dell'Ignis Varese, ha guidato la GBC Milano per anni portandola al secondo posto nel campionato di serie A femminile. E' poi tornato in provincia di Varese ad allenare le minors.

Carnelli Franco: primario ortopedico, per tanti anni medico sociale dell'Olimpia, fra l'altro ha avuto il grande merito di recuperare Meneghin dopo un grave infortunio, quando in pochi erano ottimisti sul proseguo della carriera del grande Dino.

Casalini Paolo: fratello di Franco, l'allenatore dell'Olimpia, ha allenato i settori giovanile per oltre trent'anni della Social Osa, Forti e Liberi di Monza, Olimpia ecc... Non è stato solo un istruttore di basket ma anche un educatore mostrando impegno sociale e dedizione.

Cassani Marco: grande penna del giornalismo sportivo che scriveva con maestria sulla “rosea” di pallacanestro negli anni '70.

Cassina Enrico: mini coach del settore giovanile della Pallacanestro Milano, tanta passione concentrata in un peso piuma.

Castelli Enrico: milanese doc, è stato un grande cestista e ancor più grande dirigente sportivo. Altissimo per l'epoca ha a esordito in Nazionale il 3 maggio 1936 nella partita vittoriosa per 30-17 sull'Austria. Ha poi giocato tre partite  ai giochi Olimpici di Berlino del '36. Nella Borletti ha conquistato quattro scudetti consecutivi dal 1936 al 1939. Per la sua signorilità è correttezza è stato nominato commissario del CONI per l'Alta Italia dalla Federazione Italiana Pallacanestro nel 1945. Si è sempre prodigato per la diffusione del nostro sport ed è stato un alto esempio di lealtà sportiva.

Cattaneo Daniele: avvocato, ha ricevuto la pesante eredità da Fabio Guidoni della proprietà della Pallacanestro Milano, che ha saputo tenere viva per tanti anni. Oltre che patron è anche l'allenatore da oltre 20 anni della squadra senior, non certo per risparmiare uno stipendio.

Ceresa Beppe: arbitro nelle giovanili con la propensione a fare il talent scout, ha individuato e segnalato molti giovani promesse. E' diventato poi dirigente accompagnatore del settore giovanile sia dell'Olimpia che della Lemonsoda Milano e della Pallacanestro Milano.

Chiabotti Luca: giornalista che per 25 anni ha curato la pagina della pallacanestro sulla "Gazzetta dello Sport".

Colombo Dario: giornalista e scrittore è stato direttore per 15 anni dei Giganti del Basket, ha lavotato poi in RAI, Tele+, Radio24. Ora è direttore editoriale del portale Daily Basket. Ha scritto il libro " Cent' anni di basket".

Coloru Giorgio: gestore di un negozio All'Onestà è diventato anche accompagnatore della squadra e factotum del presidente Valentino Milanaccio. Ha continuato con discrezione a seguire la Pallacanestro Milano anche dopo l' uscita di scena 

Giuliano Bandini

Bruno Boero

Paolo Casalini

Luca Chiabotti

Carnelli cura i crampi di Meneghin durante la finale di Losanna 1987, dopo il canestro in terzo tempo sbagliato clamorosamente.