In questa sezione del museo puoi trovare le schede giocatori ed addetti ai lavori che hanno fatto grande questo sport, con particolare riferimento alla loro "milanesità".

Persone


La magia delle maglie di Denis in dono per l'Unicef

Denis durante la sua breve vita, è stato coinvolto in diverse iniziative UNICEF, grazie a Pierluigi Marzorati e a Carlo Besana, presidente della sezione di Como dal 1985 al 1992 a cui affidiamo un dolce ricordo dell'ala brugheriese:

 

 


"Denis fu uno degli ospiti della prima festa per l’Unicef organizzata a Costamasnaga nel 1985 e, negli anni a seguire ci furono molte occasioni d’incontro, sia in occasione delle partite a Cantù che per iniziative legate al Comitato Provinciale Unicef.
La malattia che lo colpì qualche anno dopo, oltre ad interrompergli la carriera cestistica, gli impedì di prendere parte ad una delle tante iniziative allestite a Costamasnaga, alla quale l’avevamo invitato.
Durante l’intervallo di una partita a Cantù, più o meno verso la fine del campionato 89/90, lo incontrai di nuovo, in modo occasionale, dietro la tribuna stampa del Pianella.
 Appena riconosciutomi mi venne incontro e subito, più o meno, mi disse: “Adesso sto bene, riprendo a giocare, quando organizzate qualche altra cosa invitami, ricordati!”.
Mi sentii sollevato: le voci sulla sua malattia si rincorrevano con toni alterni; in quell’occasione mi era sembrato non solo allegro ma anche in buona forma.
Fu l’ultima volta che lo vedemmo (con me c’era anche mia moglie Susanna), ci lasciò, purtroppo, troppo presto.
Non mancammo di ricordare questa sua promessa, quando un paio di mesi dopo il suo decesso, organizzammo “Assist for Unicef”: la manifestazione ebbe luogo il 18 marzo 1991, con il fondamentale contributo di Luca Corsolini e la finalità di raccogliere, attraverso un’asta cestistica, fondi per l’Unicef in occasione del Centenario del Basket. Fu un gran successo.
Mia moglie Susanna si recò a casa dei genitori di Denis per illustrare l’iniziativa. La mamma di Denis, commossa, aprì l’armadio con le maglie indossate dal figlio nel corso della sua breve, intensa carriera cestistica; si vedeva che le dispiaceva staccarsi da quei ricordi, ma il dispiacere durò solo un attimo. “Denis sarebbe stato contento di donarle per l’Unicef!”, ed era contenta anche lei.
Non sapeva che eravamo già tutti d’accordo: avremmo scatenato, con la complicità di PierLuigi Marzorati, un’asta “concordata”, fino alla cifra che avevamo raccolto, tra amici, da donare all’Unicef nel ricordo di Denis. Una “goliardata” che sarebbe sicuramente piaciuta anche a lui.
A sua madre, il giorno dopo, vennero riconsegnate le maglie: era giusto che tornassero ad occupare il posto che lei aveva loro riservato, affinchè ne restasse l' amorevole custode."

Racconto inviato dall'autore con citazioni dal sito http://www.carlobesana.it/. 

Un momento della manifestazione "Un Assist per l'Unicef" con Luca Corsolini (a destra) e il presidente Carlo Besana (a sinistra). In quest'asta furono messe in vendita le uniformi appartenute a Denis Innocentin. (foto di Carlo Besana per gentile concessione dell'autore)